lunedì 10 marzo 2014

10 marzo 1952: l'ultimo colpo di stato di Batista

Tratto da: Archivio Storico - Editrice La Stampa
Licenza Creative Commons
"Sono stato costretto a fare una rivoluzione perché ho appreso, da fonti degne della migliore fede, che il Presidente, temendo la disfatta del candidato da lui appoggiato alle lezioni del primo giugno, si preparava a fare una rivoluzione fittizia il 15 aprile. Io l'ho preceduto"

Clicca qui per leggere l'articolo completo.

Nessun commento:

Posta un commento